Ovogenesi

L'0ogenesi è il differenziamento dell'uovo, il gamete che si forma durante l'oogenesi contiene tutti i fattori necessari per iniziare e mantenere il metabolismo e lo sviluppo. La caratteristica della differenziazione dell'oocita è di sviluppare un citoplasma notevolmente complesso perciò, oltre a formare un nucleo apolide, l'oogenesi produce una riserva di enzimi citoplasmatici, di molecole informazionali, di organuli e di substrati metabolici.
Perciò la proprietà più rilevante delle cellule germinali femminili è la totipotenza, ovvero la capacità, una volta fecondate e/o attivate partenogeneticamente, di dare origine ad un nuovo individuo.

Altre peculiarità delle cellule uovo sono: la polarità, la simmetria, la presenza di sostanze di riserva. La regione in cui è situato il nucleo è denominata, in virtù del metabolismo più attivo, emisfero animale e quella diametralmente opposta emisfero vegetativo in relazione alla maggior concentrazione di materiale di riserva indicato come vitello o deutoplasma. Gli altri costituenti dell'uovo possono essere distribuiti secondo l'asse polare, una linea im maginaria che connette il polo animale con il polo vegetativo. Ad esempio negli Anfibi anuri, i ribosomi ed i mitocondri sono più numerosi nell'emisfero animale mentre il materiale di riserva prevale nell'emisfero vegetativo.Il citoplasma ovulare è caratterizzato anche da un numero rilevante di mitocondri e ribosomi. link to large image
  Click on sull'immagine

 

Nelle uova di Anfibi anuri il numero di mitocondri è migliaia di volte superiore a quello di una cellula somatica. I mitocondri, come gli RNA presenti, sono per lo più inattivi, da l momento che rappresentano una riserva per il futuro embrione. La popolazione mitocondriale di un embrione deriva esclusivamente dai mitocondri originariamente presenti nell'uovo, in quanto quelli che accompagnano lo spermatozoo nella fecondazione per lo più degenerano. Anche il numero dei ribosomi presenti nella cellula uovo di Xenopus, anfibio anuro è notevolmente più elevato rispetto a quello delle cellule somatiche.
Tra i vari costituenti del citoplasma ovulare vanno infine ricordate molecole con funzione informazionali, quali i cosiddetti morfogeni o determinanti citoplasmatici, tali molecole, prodotte durante l'ovogenesi giocano un ruolo importante durante lo sviluppo embrionale.

 

I meccanismi dell'ovogenesi ed i tipi di uova sono estremamente variabili in alcune classi la presenza degli ovogoni persiste per tutta la vita riproduttiva e la femmina produce regolarmente centinaia o migliaia di uova alla volta come nel riccio di mare, pesci, anfibi ed alcuni rettili, mentre il altre è limitata ad alcune fasi dello sviluppo embrionale, uccelli e mammiferi. Nelle specie che producono migliaia di uova gli ovogoni sono cellule staminali che si autorinnovano e sopravvivono per tutto il ciclo vitale dell'organismo. Nelle specie che producono un numero limitato di uova gli ovogoni si dividono a formare un numero limitato di cellule precursori delle uova.
 
specie in cui la presenza degli ovogoni persiste per tutta la vita riproduttiva specie in cui la presenza di ovogoni è limitata ad alcune fasi dello sviluppo embrionale

 

Nell'uomo gli ovogoni si dividono dal secondo al settimo mese di gestazione generando approssimativamente 7 milioni di cellule germinali. Tuttavia nelle fasi successive dello sviluppo il numero degli oogoni cala vertiginosamente, la maggior parte muore mentre i restanti entrano nella profase della prima divisione meiotica. Queste cellule dette oociti primari, progrediscono attraverso la prima profase meiotica fino allo stadio di diplotene, stadio in cui restano bloccati sino alla pubertà. All'inizio dell'adolescenza gruppi di oociti riprendono periodicamente la meiosi.

 
 

Nell'ovogenesi, da ogni ovogonio che va incontro alla meiosi deriva una sola cellula uovo, che si contraddistingue sia per le notevoli dimensioni, dovute ad un progressivo accumulo di materiale di natura diversa , sia per essere immobile.

Il differenziamento della cellula uovo si verifica durante lo stadio del diplotene della prima divisione meiotica e si completa, nella maggior parte delle specie, dopo che si è verificata la fecondazione.
La stessa formazione degli involucri ovulari si verifica prima che si completi la meiosi.

link to large image
  Click on sull'immagine